s 1

sabato 8 giugno 2019, ore 21

Monastero della Santa Croce di Fonte Avellana

Serra Sant’Abbondio (PU)

 

Sette movimenti per saxofono contralto, chitarra ed elettronica

SACRALE è una suite musicale che racconta attraverso sette “stanze sonore” il processo di trasformazione interiore di un individuo che ha percorso un cammino di evoluzione spirituale. Questi passaggi conoscitivi si svolgono all’interno di un’immaginaria struttura architettonica, il Sacrale appunto, che simbolicamente e metaforicamente, è il luogo-condizione da cui si parte e il luogo-condizione a cui si giunge una volta completato il processo. Nella pratica del concerto le stanze sono narrate attraverso 7 movimenti musicali, che corrispondono a diverse condizioni interiori. La qualità dei suoni strumentali, i rumori ambientali e la struttura musicale accompagnano l’ascolto anche per i musicisti e per il pubblico in stato di totale condivisione. Alcune parti della struttura musicale sono volontariamente trattate in modalità di improvvisazione per aumentare il livello di interazione spontanea e lasciarsi ispirare dai luoghi dove il concerto viene eseguito.

 

Marco Fagotti_chitarra elettrica, elettronica

Giovanni Ferri_saxofono contralto

54518508_1542864372515390_7411765452856098816_o

IMG_20190329_151910

Il 7 di aprile 2019, insieme a Marco Fagotti suonerò in questo festival a Firenze. Presenteremo il progetto VERSO: un’improvvisazione per sax, elettronica e chitarra dedicata alla dimensione dell’incontro, in cui i suoni – sia acustici che elettrici – condivideranno l’inquietudine di nuovi spazi da esplorare.

Il quinto estratto dal progetto “2” di STRADE è un omaggio neanche troppo velato all’opera di Wolfgang Amadeus Mozart che narra le vicende del Burlador de Sevilla. Nella nostra versione uno scampolo del capolavoro del genio di Salisburgo viene trasformato in un siparietto giocoso che si chiude inesorabile sulla ripetizione di un grappolo di note. Perché l’amore si sa, è anche questo: dolcezza, euforia, ossessione, stanchezza, odio.

Giovanni Ferri: alto sax

Mirco Ballabene: contrabbasso

Mirco Bindelli: batteria

Un altro estratto dal secondo cd del progetto STRADE. Nel brano, composto da Giovanni Ferri, la musica è dura, scura e va dritta verso il basso. Proprio qui, tre quindicenni si divertono un mondo a suonarla come se non ci fosse un domani, ma solo un garage.
Giovanni Ferri_ alto sax
Mirco Ballabene_contrabbasso
Mirco Bindelli_batteria